Termovalvole, che stangata! Salasso da 1.000 euro a famiglia

Termovalvole, che stangata!
Salasso da 1.000 euro a famiglia

C’è un’altra spesa che incombe su migliaia di bergamaschi. È stata confermata la scadenza al 31 dicembre per l’installazione delle valvole termostatiche e dei contabilizzatori di calore nei condomini a riscaldamento centralizzato.

Per chi non si adeguerà in vista sanzioni dai 500 ai 2.500 euro, anche se in arrivo potrebbe esserci una deroga. Dopo quelle natalizie, c’è un’altra spesa che incombe su migliaia di bergamaschi. È stata confermata la scadenza al 31 dicembre per l’installazione delle valvole termostatiche e dei contabilizzatori di calore nei condomìni a riscaldamento centralizzato: appena qualche giorno, quindi, e poi per chi non sarà in regola potranno scattare sanzioni variabili dai 500 ai 2.500 euro. Una novità, questa, che calcolatrice alla mano comporterà una spesa oscillante intorno ai mille euro a famiglia, e che, in realtà, parte da lontano: e cioè dalla direttiva europea del 2012, è diventata legge nel 2014, con un apposito decreto entrato in vigore questa estate.

Tra Bergamo e provincia sono circa 12 mila i condomini interessati dalla legge, con il quadro in ambito locale che vede comunque buona parte dei lavori già eseguiti. Non mancano comunque i problemi. E dalle associazioni di categoria - sia Confabitare che Asppi - è partito l’appello: «Serve una deroga - spiegano i loro rappresentanti - anche perché in molti casi le stesse aziende installatrici hanno terminato le componenti». Per questo Confedilizia nei giorni scorsi ha chiesto al Governo di posticipare di qualche mese la scadenza, con il ministero dello Sviluppo che sta valutando in questi giorni se inserire la questione all’interno del decreto «milleproroghe» di fine anno. Del resto con la «stagione del riscaldamento» in pieno corso, il buon senso consiglierebbe ad Arpa, l’Agenzia regionale per l’ambiente che si occuperà delle verifiche, di iniziare i controlli non prima di aprile, quando i caloriferi verranno spenti, ma da questo punto di vista di certezze non ce ne sono.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 28 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA