Trasporto pubblico in Bergamasca Boccata d’ossigeno da 50 mila km

Trasporto pubblico in Bergamasca
Boccata d’ossigeno da 50 mila km

Dopo anni di tagli arriva una buona notizia per il trasporto pubblico bergamasco. Grazie ai nuovi fondi stanziati verranno potenziate molte corse.

Da martedì, nella Bergamasca, il trasporto pubblico locale ha più ossigeno. Una boccata vitale da centomila euro, che nel concreto si traduce in circa cinquantamila chilometri di corse in più, 51.606,74 per la precisione, rappresentati da una ventina di nuove tratte potenziate grazie al bilancio 2017 dalla Provincia, fresco d’approvazione. Ne beneficeranno soprattutto gli studenti delle scuole superiori disseminate lontano dal capoluogo, l’allegra brigata che ogni mattina sfida traffico e problemi.

L’intervento messo in atto è un tampone dopo un lungo periodo critico, buio, irto di difficoltà: tagli, corse col lanternino, problemi quotidiani per chi vive in particolare negli «angoli» di periferia della provincia. Da via Tasso, il sorriso è quello del presidente Matteo Rossi: «Per la prima volta dopo tre anni, si aumenta il servizio anziché tagliarlo. Ho voluto fortemente questa scelta, e in questi mesi abbiamo ascoltato le diverse richieste e i disagi degli studenti e delle famiglie causati dai tagli nazionali e regionali degli ultimi anni». Su L’Eco di Bergamo in edicola il dettaglio di tutte le corse che saranno potenziate.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 1 novembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA