Treni, buone notizie per i pendolari  Sorte: «Nessun rincaro e più sicurezza»

Treni, buone notizie per i pendolari
Sorte: «Nessun rincaro e più sicurezza»

Nessun aumento delle tariffe per i pendolari ferroviari nel 2017. La conferma arriva dall’assessore regionale alla mobilità, il bergamasco Alessandro Sorte, che annuncia anche più sicurezza sui convogli grazie alla possibilità per le forze armate di viaggiare gratis.

Continua l’impegno della Regione Lombardia per rendere sempre più sicuri gli spostamenti dei pendolari sui treni regionali. E questo senza nessun adeguamento delle tariffe. «Anche per il 2017 - spiega l’assessore alle Infrastrutture e Mobilita’, Alessandro Sorte - i militari potranno viaggiare gratuitamente sui treni di Trenord. E’ un altro modo concreto per garantire più sicurezza a chi sceglie il treno per andare a lavorare o a scuola». «Dopo la delibera approvata a inizio dicembre - continua Sorte- con la quale abbiamo stanziato 6,1 milioni di euro per consentire la libera circolazione degli appartenenti ai corpi delle Forze dell’ordine sui mezzi del Trasporto pubblico lombardo, oggi diamo un’altra buona notizia». In concreto gli interessati, per poter fruire della libera circolazione, devono viaggiare in divisa e presentarsi al personale di bordo al momento della salita sul treno, impegnandosi a fornire assistenza in caso di necessità sul treno o nelle stazioni».

Sorte ricorda anche che questi provvedimenti si affiancano alla decisione, già assunta, di continuare a far circolare sui treni le guardie giurate armate. «Dopo gli ottimi risultati raggiunti con la sperimentazione di Tratta sicura - aggiunge l’assessore - abbiamo stanziato 3 milione di euro, per il 2017, per l’assunzione di un’ottantina di guardie armate. Abbiamo sempre detto che quella della sicurezza sui treni e’ una delle nostre priorità e tutte queste iniziative lo dimostrano». «L’altra grande notizia- conclude Sorte - è che tutto ciò è a costo zero per i cittadini. Per il secondo anno di fila, infatti, non ci sara’ nessun aumento dei biglietti»

© RIPRODUZIONE RISERVATA