Treni, ormai il caos è quotidiano Vagoni pieni, cancellazioni e bus sostitutivi

Treni, ormai il caos è quotidiano
Vagoni pieni, cancellazioni e bus sostitutivi

Una situazione insostenibile per i pendolari bergamaschi che ogni giorno si trovano di fronte a disagi di ogni sorta. Martedì mattina ancora almeno sette convogli cancellati e quelli rimasti sono sempre più pieni.

La vita dei pendolari di Trenord è diventata una sfiancante battaglia quotidiana tra ritardi, cancellazioni e treni stracolmi. Ma è una battaglia che logora psicologicamente oltre che fisicamente, perchè è subdola, non ti permette di prendere le contromisure, non dà punti di riferimento, ogni giorni spiazza e non lascia tregua. Anche per noi scriverne è diventato difficile, il rischio di provocare un effetto assuefazione è concreto. Potremmo lasciare sempre in pagina lo stesso pezzo cambiandone solo i particolari, non finirebbe mai fuori dalla home page da mesi .

Studenti e pendolari consultano gli orari dei treni

Studenti e pendolari consultano gli orari dei treni
(Foto by Beppe Bedolis)

Le storie raccontate sul nostro giornale ma anche sul profilo Facebook del Comitato descrivono molto bene lo stato d’animo e le situazioni, a volte al limite della sopportazione, che un viaggiatore può trovarsi di fronte quando decide di intraprendere un viaggio con Trenord. Farlo da pendolare, tutte le mattine, è diventato insopportabile.

Abbiamo appena finito di raccontare un altro lunedì nero che, a meno di 24 ore di distanza , dobbiamo, nostro malgrado, tornare a parlare di cancellazioni. Martedì 6 novembre è iniziato male . All’alba è stato cancellato il treno 4906 delle 6.15 da Brescia verso Bergamo a causa di un guasto non risolvibile in tempi brevi. I passeggeri hanno dovuto prendere quello successivo, 35 minuti dopo, che naturalmente traboccava di gente.

Stessa sorte per il convoglio 10802 delle 7.16 da Bergamo per Milano Porta Garibaldi cancellato con un annuncio di Trenord già nella serata di lunedì, fermato da un guasto «che richiede un intervento di manutenzione in deposito». Il 7.02 per Milano Centrale è partito da Bergamo, come ormai capita quasi tutti i giorni dal momento della chiusura del ponte di Calusco, con i posti a sedere già esauriti e gente in piedi.

Per non farsi mancare proprio niente dobbiamo anche segnalare grossi problemi sulla tratta Bergamo-Treviglio. Cinque convogli cancellati e sostituiti da altrettanti autobus. Il 24752 (Bergamo 5.50-Treviglio 6.20), 24753 (Treviglio 6.38-Bergamo 7.08), 24758 (Bergamo 7.20-Treviglio 7.50), 24759 (Treviglio 8.08-Bergamo 8.38), e il 24764 (Bergamo 8.50-Treviglio 9.20).

Un quadro sconfortante e siamo solo all’inizio della giornata e della settimana. La lista non può che allungarsi nelle prossime ore. Un intervento concreto di Trenord e Regione non è più rimandabile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA