Treni soppressi e senza aria condizionata Milano-Bergamo da incubo per i pendolari

Treni soppressi e senza aria condizionata
Milano-Bergamo da incubo per i pendolari

Un treno soppresso e uno senza aria condizionata oltre a numerosi ritardi: rientro a casa da dimenticare per i pendolari bergamaschi.

Viaggio stipati sul treno e senza aria condizionata per i pendolari della linea da Milano Porta Garibaldi a Bergamo nella serata di martedì 18 giugno. Il treno dell 17.22 da Milano Porta Garibaldi a Bergamo è stato cancellato: studenti e lavoratori sono saliti così a Lambrate sul treno 2631 delle 18.05 da Milano centrale a Bergamo. Si tratta di un Vivalto a cinque vetture che si è trovato ad accogliere, oltre ai suo passeggeri, anche quelli del convoglio precedente in piena ora di punta. Non è andata meglio a chi è salito sul 18.22 da Milano Porta Garibaldi a Bergamo, un treno senza aria condizionata (il convoglio 10811) che ha toccato una temperatura di 32 gradi all’interno. A segnalare i disagi il gruppo Facebook Quelli del treno - Comitato pendolari bergamaschi.

Disagi anche per chi rientrava invece a Milano con numerosi ritardi fino ai 70 minuti sulle direttive verso Centrale e Greco Pirelli sempre in orario di uscita da università e uffici, come riporta il gruppo Facebook Comitato pendolari Bassa bergamasca.


© RIPRODUZIONE RISERVATA