Tutti in coda per Santa Lucia – Video Acceso l’albero di Natale in centro

Tutti in coda per Santa Lucia – Video
Acceso l’albero di Natale in centro

A partire da sabato pomeriggio in centro a Bergamo si è iniziata a respirare aria di festa. Sono soprattutto i bambini quelli che hanno approfittato della giornata lasciandosi coinvolgere dal (prematuro) clima natalizio.

Il Sentierone infatti è stato invaso da bimbi sorridenti che non vedevano l’ora di portare la loro letterina nella Chiesa di Santa Lucia. La fila all’esterno è stata interminabile per tutto il pomeriggio e l’interno era completamente invaso dai bambini accompagnati dai genitori. I bimbi in coda erano visibilmente gioiosi e ansiosi di entrare nella chiesetta e i loro occhi facevano trasparire la felicità per quel particolare momento. In moltissimi sono entrati in religioso silenzio ed hanno posto le loro letterine con le richieste dei tanto attesi regali davanti all’effige della santa, sono stati tanti i fanciulli che hanno abbandonato il proprio ciuccio o il proprio peluche in segno di impegno e volontà di migliorare il proprio comportamento, magari non sempre impeccabile. «Speriamo che legga la mia lettera e che mi porti i regali che le ho chiesto, anche se non stato sempre buono quest’anno», dice alla sua mamma un bimbo dopo aver lasciato la propria letterina.

Per rendere ancora più contenti i più piccoli alle 17 è stato acceso l’albero di Natale del centro Piacentiniano in piazzetta Piave: un abies normanniana di quasi otto metri che al termine delle feste sarà riportato dove è cresciuto per essere ripiantato. Dopo l’accensione dell’albero è stata offerta anche una merenda a tutti i presenti: il bar Balzer ha portato i macarons e altre paste il tutto accompagnato da una fontana di cioccolato bianco mentre il bar Bu Cheese ha offerto la fonduta. Per il divertimento dei bimbi, inoltre, c’era la possibilità di scattarsi foto personalizzate mettendo la propria faccia dietro alle rappresentazioni di alcuni personaggi natalizi.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 27 novembre 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA