Intanto 1 milione di euro e un nuovo bando  Piazzale Alpini, un progetto per il rilancio
Piazzale Alpini con l’omonimo monumento

Intanto 1 milione di euro e un nuovo bando
Piazzale Alpini, un progetto per il rilancio

Dopo il buco nell’acqua dello scorso anno, Palazzo Frizzoni ci riprova. In arrivo c’è un ulteriore concorso con nuove modalità e un ulteriore finanziamento da 400 mila euro. «Dopo la sperimentazione dello scorso anno - spiega l’assessore Francesco Valesini - stiamo valutando l’ipotesi di una formula un po’ più ristretta per l’individuazione dei progettisti».

Per sbrogliare l’intricato nodo sul futuro di piazzale Alpini il Comune è pronto al rilancio. Il Concorso delle Tre Piazze lanciato dall’amministrazione lo scorso luglio aveva portato alla ridefinizione di piazza Carrara e piazzale Risorgimento, lasciando però un grosso punto interrogativo proprio su piazzale Alpini, con le 15 proposte pervenute a Palafrizzoni che non erano state ritenute idonee a risolvere le tante criticità del contesto.

Analizzando i motivi del buco nell’acqua del concorso, ci si è però resi conto come i 600 mila euro (iva esclusa) di soglia massima fissata per l’intervento, di cui 480 mila per le opere vere e proprie, non lasciassero ad architetti e ingegneri un margine di intervento così ampio, con la giunta Gori che ha quindi deciso di ampliare il budget a disposizione: «Oltre ai 600 mila euro, confermati per l’annualità in corso, il nuovo Piano delle opere pubbliche prevederà ulteriori 400 mila euro per il 2018. Si tratta di un’area vasta, che presumibilmente ospiterà lavori importanti e quindi onerosi», anticipa l’assessore ai Lavori pubblici, Marco Brembilla.

Un milione, quindi, il nuovo tetto economico per un progetto di riqualificazione il cui nuovo iter, calendario alla mano, dovrebbe partire in primavera: «Prima di tutto bisognerà attendere l’approvazione del Pop, con il documento che arriverà in Consiglio comunale verso fine marzo – spiega l’assessore alla Riqualificazione urbana, Francesco Valesini –. A quel punto si potrà predisporre il nuovo bando, atteso a maggio». A cambiare, rispetto a quanto avvenuto in occasione del Concorso delle Tre Piazze, sarà anche la modalità di individuazione del progetto vincente, con il Comune deciso a adottare il percorso del bando di incarico: «Vedremo se a invito o meno – aggiunge Valesini –. Quello della riqualificazione di piazzale Alpini è comunque un tema complesso, sia per dimensione che per i vari aspetti che va a coinvolgere: per questo, dopo la sperimentazione del concorso dello scorso anno, stiamo valutando l’ipotesi di una formula un po’ più ristretta per l’individuazione dei progettisti».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 24 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA