Un’estate insieme ai pastori? Si può fare, ecco come andare in quota

Un’estate insieme ai pastori?
Si può fare, ecco come andare in quota

Ha preso il via anche quest’anno «Progetto Pasturs», che ha come obiettivo quello di migliorare la convivenza tra i grandi predatori, come orso e lupo, e le greggi dei pastori che abitano le malghe delle Orobie bergamasche. Il progetto prevede anche il coinvolgimento di volontari che hanno tempo fino al 7 maggio per aderire.

«Nelle due passate edizioni – dice la responsabile del progetto Chiara Crotti – hanno partecipato un centinaio di volontari con il compito di aiutare nove pastori che trascorrono l’estate sulle montagne delle Valli di Scalve, Seriana e Brembana. Le richieste pervenute sono state circa 500; la più lontana è arrivata dall’Olanda mentre a livello nazionale dalla Sicilia. Sono ragazzi tra i venti ed i trent’anni, per lo più studenti universitari, che hanno voluto fare un’esperienza in alpeggio per mettere in pratica le nozioni imparate a scuola. Viste le adesioni è stato necessario fare una selezione».

Durante la permanenza, da una a tre settimane, si sono dovuti adattare a svolgere varie mansioni: cucinare, accendere il fuoco, pulire la baita, fare il fieno, posizionare recinti elettrificati ed accudire le pecore, solo per citarne alcune. «Al corso – conclude Crotti – hanno partecipato anche i pastori a cui sono stati affidati sette cani da guardia della razza pastore abruzzese». Per info https://pasturs.org/


Tutte le info acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 6 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA