Vacanze di Natale, tempo di partenze? Statistica:  se ne va il 50% dei lombardi

Vacanze di Natale, tempo di partenze?
Statistica: se ne va il 50% dei lombardi

Un lombardo su due secondo le statistiche partirà per qualche giorno di vacanza in questo periodo di ferie natalizie. La meta preferita è la montagna e si predilige restare in Italia, forse anche per l’effetto della paura generata dall’attentato di Berlino.

Vacanze per le feste di Natale per un bergamasco e un lombardo su due, con una spesa di circa 1,3 miliardi per l’intera regione. Sono dati che emergono da un’indagine condotta dalla Camera di commercio di Milano in queste settimane su circa 800 lombardi. Un lombardo su nove è già partito prima della Vigilia, ma buona parte delle partenze (circa il 20%) si concentra in questi giorni dopo Natale e si ripeterà a Capodanno. Vacanza soprattutto italiana per il 35%. Il 20% circa farà un passaggio dalla montagna italiana, circa uno su dieci dal mare. Chi va all’estero sarà in una capitale europea (uno su venti), uno su cento ha scelto gli Stati Uniti d’America, l’Inghilterra, la Spagna o un’isola lontana al caldo.

Come lo scorso anno si confermano buoni affari per gli operatori. Prima meta il mare, per una agenzia su due. Ma in Italia si prenota sulla neve in Trentino, in Val d’Aosta o per tornare alla città d’origine. All’estero si va a Londra, negli Usa, alle Maldive o isole lontane. Un viaggio da 5 – 7 giorni. Per una spesa da mille euro. Prenotano le coppie.

«Anche quest’anno le vacanze di Natale sono state precedute da un terribile attentato. Si rafforza così la scelta di non allontanarsi troppo, di restare in Italia. Per quanto riguarda le prenotazioni in agenzia restano in linea con gli anni passati - ha dichiarato Luigi Maderna, presidente Fiavet Lombardia». Sono oltre 2.400 le imprese in Lombardia che si occupano di organizzare viaggi e di assistenza turistica, il 15,7% del totale italiano di settore. Un settore stabile tra 2014 e 2015 che a Milano cresce dello 0,4%, toccando quota 1.122 imprese. Vengono poi Brescia con 287 imprese, Bergamo con 209, Varese con 177 e Monza e Brianza con 166. In un anno cresce soprattutto Sondrio (+4%). Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati registro imprese al 2016 e 2015.

Il ponte di Brooklyn, New York

Il ponte di Brooklyn, New York


© RIPRODUZIONE RISERVATA