Ve lo ricordate? Lo avevamo votato E ha vinto il premio di volontario dell’anno

Ve lo ricordate? Lo avevamo votato
E ha vinto il premio di volontario dell’anno

Avevamo raccontato la sua storia, incredibile, e lo avevamo supportato per questo premio che riconosce il valore di un bergamasco che aiuta il prossimo. Alessandro Manciana è volontario dell’anno.

Un grande orgoglio per Bergamo. Alessandro Manciana è il volontario internazionale premiato a Roma per il XXII Premio del Volontariato 2015 assegnato dalla Focsiv, alla presenza di monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana.

Il 43enne medico chirurgo pediatrico è impegnato nel progetto «Una goccia in salute» promosso dal Celim Bergamo, su proposta della diocesi boliviana di El Alto, e sostenuto dalle diocesi di Bergamo, di Brescia e dalla parrocchia di Gubbio.

Il dottor Manciana è partito per la Bolivia l’8 aprile dello scorso anno, insieme alla moglie boliviana e figlio, per un progetto sanitario triennale. Il progetto prevede la creazione di un’unità mobile costituita da personale medico e infermieristico boliviano affiancato da volontari stranieri. L’attività si divide tra area rurale, a fianco dei più bisognosi, e area urbana, per dare vita a una rete tra servizi in grado di assicurare cure dignitose.

Il presidente del Celim Andrea Milesi era presente ieri a Roma per il convegno «Volontariato internazionale e agricoltura familiare dopo la Laudato Sii» durante il quale è avvenuta la consegna del premio. «Siamo contenti – ha commentato – perché in un momento in cui sembra che la storia di questi giorni proponga uno scenario di conflitti e guerre, la sua testimonianza apre invece una speranza verso la costruzione di una cultura della cooperazione e della solidarietà fra popoli».

Manciana opera in Bolivia dal 2006, «medico per la gente, tra la gente» come ama definirsi, ed esercitando la professione medica, concependo la cooperazione internazionale, basata su un’idea di reciprocità e di progettualità condivisa. Il medico vanta una lunga esperienza di volontariato in ambito sanitario in Perù e in Bolivia. Dopo la specializzazione in chirurgia pediatrica, conseguita nel 2004, ha ottenuto diversi riconoscimenti tra cui l’equipollente titolo di medico chirurgo boliviano nell’agosto 2012. All’estero ha inaugurato l’attività di volontariato esercitando professione di medico sin dal 2004, all’Ospedale di Chacas e Yanama dipartimento di Huaraz in Perù, due anni più tardi negli ambulatori territoriali della missione cattolica «Parroquia Virgen de Natividad» Santiago de Huata, a La Paz, e come direttore dell’Hospital Aymara Escoma di La Paz fino al 2013.

Dopo la premiazione, il medico incontrerà al Quirinale per la Giornata mondiale del volontariato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sarà possibile incontrare Alessandro Manciana a Bergamo giovedì 10 (ore 18 alla sala degli Angeli della Casa del Giovane in via Gavazzeni) per una serata in cui presenterà l’attività del progetto sanitario e si festeggerà il riconoscimento ottenuto.

Manciana sabato 12 sarà presente nella Basilica di Sant’Alessandro in Colonna (ore 21) per il tradizionale Concerto di Natale organizzato ogni anno dal Centro Missionario Diocesano. Durante la serata sarà consegnato al medico l’ecografo portatile, simbolo della campagna di raccolta fondi realizzata in questi mesi grazie alle diverse iniziative congiunte del Celim e del Centro Missionario Diocesano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA