Voucher per i viaggi saltati per coronavirus Se non utilizzati, dopo 18 mesi il rimborso

Voucher per i viaggi saltati per coronavirus
Se non utilizzati, dopo 18 mesi il rimborso

Novità anche per i viaggi saltati a causa dell’epidemia: chi ha avuto un voucher lo potrà spendere per un anno e mezzo e se alla fine non lo avrà utilizzato avrà diritto al rimborso in denaro.

Smart working nella pubblica amministrazione che continuerà in modo massiccio fino a fine anno, per poi procedere a un piano complessivo di riorganizzazione di tutte le mansioni che si possono svolgere anche da casa. E viaggi e concerti che dovranno essere rimborsati dopo un anno e mezzo dalle cancellazioni causa Covid.

Sono alcune delle ultime novità del decreto Rilancio, chiuso dalla commissione Bilancio della Camera con qualche strascico di polemica, dalla lite, tutta interna alla maggioranza, sull’aumento dei fondi per le scuole paritarie, a quella, protagonisti gli ex alleati Lega e M5S, sugli stipendi dei vigili del fuoco.

Il decreto andrà in Aula lunedì dove il governo dovrebbe porre la fiducia per inviarlo il prima possibile al Senato, dove ci sarà appena il tempo di approvare le modifiche deputati e nulla più, vista la scadenza del provvedimento il 18 luglio. A Montecitorio, comunque, sono state approvate alcune correzioni di peso, come gli incentivi alla rottamazione auto anche per chi compra euro 6 o l’estensione del superbonus sulle ristrutturazioni green anche alle seconde case, accanto a una serie di micro-norme, come accade tradizionalmente con ogni manovra. Un milione andrà alla valorizzazione del patrimonio immateriale già tutelato. Ci sono poi, decine di interventi per settore, dalla pesca al benessere animale al vino fino a settori artigianali, come la ceramica, particolarmente colpiti dalla crisi. Per negozi e attività nelle aree turistiche poi, arriverà uno specifico codice Ateco, utile anche a indirizzare meglio futuri aiuti che potrebbero arrivare, per il turismo, già con la prossima «manovrina» annunciata per metà luglio. E poi proroghe di concessioni per aeroporti, ambulanti (che avranno anche l’esenzione per 2 mesi della Tosap) e soluzione per i pertinenziali delle spiagge, con proroga della sanatoria sul vecchio contenzioso e nuovo calcolo dei canoni, che comunque passeranno per tutti dal 2021 a minimo 2.500 euro l’anno.

Sempre per promuovere il turismo, accanto al bonus vacanze, ci sarà anche un mese di treni e musei gratis per gli studenti universitari. Novità anche per i viaggi saltati a causa dell’epidemia: chi ha avuto un voucher lo potrà spendere per un anno e mezzo e se alla fine non lo avrà utilizzato avrà diritto al rimborso in denaro. E lo stesso vale per i concerti «di musica leggera» che non saranno riprogrammati entro 18 mesi dalla data originaria dell’evento.

Si proseguirà poi fino a fine anno con la «rivoluzione» dello smart working nella pubblica amministrazione, come spiega il ministro Fabiana Dadone annunciando anche un tavolo di monitoraggio sul lavoro agile: fino al 31 dicembre per le attività eseguibili da remoto lo smart working rimarrà al 50% per salire anche al 60% dopo che sarà introdotto, con l’anno nuovo, il «Piano organizzativo del lavoro agile».


© RIPRODUZIONE RISERVATA