Lunedì 01 Febbraio 2010

Il neo papà Giorgio Pasotti: attore,
scrittore e adesso anche regista

«Dopo la promozione del film e del libro spero di riuscire a lavorare alla mia prima regia». Lo annuncia Giorgio Pasotti, da poco diventato papà di Maria, la bambina avuta dalla compagna Nicoletta Romanoff. «Da quando è nata mia figlia, mi sento diverso, starei a guardarla per ore. E pensare che dicevo sempre: "Non diventerò mai uno di quei papà ridicoli che parlano solo dei figli". Invece, eccomi qua: un perfetto imbecille, felice di esserlo».

L'attore bergamasco, attualmente nelle sale con «Baciami ancora», ammette che la figlia «ha un potere assoluto su di me». «Secondo me i neonati hanno una forza soprannaturale. Sono un miracolo», chiude Pasotti al settimanale Grazia, in edicola domani.

Giorgio Pasotti si conferma asso pigliatutto: dopo i film (I piccoli maestri, L'ultimo bacio, Dopo mezzanotte, Volevo solo dormirle addosso, L'aria salata, Baciami ancora) è da poco sbarcato nelle librerie italiane con un romanzo autobiografico edito da Mondadori, "Dentro un mondo nuovo". Bambino prodigio delle arti marziali (a tredici anni è cintura nera), nel 1992 il diciannovenne Pasotti si trasferisce in Cina per sfruttare il suo titolo di campione nazionale di Wushu, antica disciplina orientale. Scopre la Cina prima che la Cina diventi il fenomeno capitalista dei giorni nostri.

Questa autobiografia racconta i tre anni di formazione dello studente Pasotti a Pechino, dove frequenta l'Università di Educazione Fisica. Inizia così a seguire le lezioni di mandarino, medicina e Wushu. Nel giro pochi mesi il suo bioritmo tradizionale si adatta a quello della vita studentesca cinese (sveglia puntata alle 5.30 e luci spente alle 21.30, bagno alla turca e docce ghiacciate). Le giornate sono scandite da allenamenti durissimi e ore di studio intenso. Nel corso di quei tre anni di isolamento "marziale", Pasotti vive la sua trasformazione da ragazzino a maestro d'armi, guadagnando l'accesso all'Elite Class di Wushu e conquistando alcuni trofei sportivi in territorio cinese.

k.manenti

© riproduzione riservata