Lunedì 01 Febbraio 2010

Collegamento wireless gratuito
alla biblioteca Tiraboschi

Per la prima volta il Comune di Bergamo avvia una sperimentazione wireless. Inizia infatti dalla biblioteca Tiraboschi un progetto per fornire accesso internet «senza cavi» gratuito ai frequentatori. Il progetto è stato messo a punto dall’Assessorato per l’innovazione tecnologica in collaborazione con l’Agenzia Sistemi Informativi del Comune di Bergamo.

«Si tratta di un progetto ambizioso che si pone l’obiettivo di offrire un servizio di collegamento wireless tramite portatile in diversi punti della città - commenta l’assessore per l’Innovazione tecnologica Marcello Moro -. Il primo punto di accesso sarà proprio la biblioteca Tiraboschi, frequentata quotidianamente da centinaia di utenti, in particolare studenti, per i quali è ormai indispensabile avere a disposizione un collegamento internet».

«In pratica - continua l’Assessore - con il proprio computer portatile si potrà accedere gratuitamente a internet sia all’interno dei locali sia nel giardino della biblioteca; un primo importante passo verso un servizio wireless che estenderemo ad altre biblioteche e luoghi di incontro nella città».

Per l’attivazione del servizio sono stati predisposti hardware e software dedicati per la registrazione degli utenti, un apposito software di web filtering, strumenti di profilazione del servizio e degli utenti, dispositivi access point per coprire l’intera area, Scratch Cards per la registrazione e una linea Adsl dedicata.

La registrazione degli utenti può avvenire sia online con l’utente che si registra da solo compilando online un’apposita maschera e riceve le credenziali d’accesso tramite sms (ammesso dalla legge solo per i possessori di una sim/usim di operatore mobile italiano), sia direttamente presso la biblioteca dove gli addetti identificano e registrano a norma di legge gli utenti in possesso di un documento d’identità valido.

Le credenziali d’accesso vengono consegnate mediante un’apposita tessera a codice protetto (scratch card con uno dei due codici coperto da una patina tipo “gratta e vinci” per rispettare la legge sulla privacy) e i dati anagrafici dell’utente possono essere rilevati direttamente dalla Carta regionale dei servizi. Il servizio viene rilasciato in prima battuta in modo totalmente gratuito e senza limitazioni di orario e di traffico, ottemperando a quanto disposto dalla norma vigente in tema di sicurezza e privacy (l.155/05).

Dal 2 febbraio la connessione verrà inoltre sottoposta a monitoraggio per la definizione della banda ottimale, misurabile in funzione della risposta dell’utenza (numero utenti/ore navigazione/tipologia di traffico).

m.sanfilippo

© riproduzione riservata