Sabato 02 Ottobre 2010

«La Scienza dell'Emergenza»
A BergamoScienza mostra col Cesvi

Cesvi ed Echo, Servizio per gli Aiuti umanitari e la Protezione civile della Commissione europea, invitano le scuole secondarie di primo e secondo grado a «La Scienza dell'Emergenza. Il cuore partecipa, il cervello agisce», mostra multimediale e multisensoriale organizzata per informare, educare e vivere le dinamiche del lavoro umanitario nelle grandi emergenze internazionali.

Cosa succede quando esplode una crisi umanitaria? Quali sono i soggetti che intervengono? Con quali strumenti? Quali priorità?. Queste sono solo alcune delle domande a cui vuole dare risposta la mostra che dal 2 al 17 ottobre è allestita all'interno del calendario di BergamoScienza nel cortile del Palazzo della Provincia, in via Tasso, a Bergamo. Le parole chiave sono due: infotainment e edutainment, informare ed educare attraverso la dinamica del gioco e le modalità comunicative dell'intrattenimento, ed è quindi un percorso particolarmente adatto alle scuole secondarie di primo e secondo grado. Divertendosi e partecipando attivamente, i fruitori della mostra - in primo luogo giovani di 11-25 anni - possono apprendere i principi e le dinamiche del lavoro umanitario nelle grandi emergenze internazionali.

Dimenticate i tradizionali allestimenti, fatti di pannelli e didascalie: in questa mostra il pubblico entra in uno spazio colorato e ricco di stimoli in cui il mondo degli aiuti umanitari viene spiegato attraverso «isole tematiche» che non hanno steccati fra di loro, giochi di ruolo che vogliono coinvolgere in prima persona i visitatori e soluzioni innovative che puntando sulle emozioni e sulla sensorialità. L'interazione è creata tramite la multimedialità e l'utilizzo di tecnologie che portano il pubblico a dialogare con la macchina e i suoi contenuti, usando il più possibile le mani e il corpo.
Il percorso multimediale si compone infatti di monitor touch screen, pulsanti e leve, musiche e video che vengono attivati collocando oggetti tridimensionali su un grande planisfero virtuale.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata