Giovedì 23 Giugno 2011

Bergamo, Brescia e Trento insieme
Turismo sulle orme di Carlo Magno

Un percorso turistico, tra sacro e profano, sulle Alpi, a seguire le orme di Carlo Magno tra Lombardia e Trentino: è il progetto denominato «La leggenda di Carlo Magno nel cuore delle Alpi» del «Distretto culturale della Valle Camonica», a cui il Trentino ha aderito.

Sono state impostate le prime linee di collaborazione tra le diverse province interessate, quali Brescia, Bergamo e Trento, secondo quanto riferisce la Provincia autonoma di Trento, dopo un incontro avvenuto tra l'assessore trentino alla Cultura, Franco Panizza, e i rappresentanti del distretto.

L'intento è ripercorrere l'itinerario della leggendaria spedizione di Carlo Magno dalla terra bergamasca a Carisolo, in Trentino, attraverso la Valle Camonica. Accompagnato dal suo esercito, da sette vescovi e dal Papa, Carlo Magno avrebbe sconfitto i signori locali, convertendoli poi alla fede cattolica.

Per celebrare le tappe dell'itinerario l'imperatore avrebbe fatto erigere sul territorio una serie di chiese, dotandole di indulgenze. La leggenda ricostruisce un evento reale: la conquista della Valle Camonica da parte dei franchi, poi concessa in feudo al monastero di San Martino a Tours.

«Intendiamo costruire tra Lombardia e Trentino - ha spiegato Panizza - un percorso che unisca storia e territorio, prima tappa di una via carolingia nel cuore delle Alpi. Quest'anno intanto saranno due gli eventi che promuoveremo in Trentino, nei paesi di Carisolo e Vermiglio».

Secondo la leggenda di Carlo Magno infatti vi erano tre affreschi in Trentino riguardanti l'imperatore: uno a Pellizzano, all'esterno della chiesa di Santa Maria, uno a Saone, nella chiesa di San Brizio, e il terzo proprio a Carisolo, all'interno della chiesa di Santo Stefano.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata