Domenica 22 Gennaio 2012

Al via Orobie Film Festival
Tra i film anche il ricordo di Merelli

Un pubblico numeroso ha preso parte alla serata inaugurale dell'Orobie Film Festival, che si è tenuta sabato 21 gennaio al Centro Congressi Giovanni XXIII di Bergamo. La sesta edizione della kermesse, condotta dalla presentatrice Fabrizia Fassi, è stata introdotta dal presidente dell'Orobie Film Festival Roberto Gualdi, che ha anche ricordato la scomparsa dell'amico e grande alpinista Mario Merelli. Sono intervenuti anche Renata Viviani, Presidente del Cai-Regione Lombardia, partner dell'iniziativa, e Maurizio Agazzi, il protagonista del film «La Regina abbraccia l'Unicef», proiettato durante la serata insieme ad altri film in concorso: «Cold» di Ansol Fogel e Cory Richards (Usa) e «A Danca do tempo» di Cristian Spencer (Brasile).

Agazzi, noto alpinista bergamasco e definito «Ambasciatore delle Orobie», ha ricordato anch'esso Mario Merelli con un discorso molto toccante e un minuto di silenzio. La serata è proseguita all'insegna dell'internazionalità con un momento dedicato al Paese Ospite 2012, il Perù, con spettacoli tipici molto suggestivi, la proiezione del video «La celebrazione dei cento anni del Machu Picchu» e la presentazione del Centro di Integrazione Permanente di Rappresentanza della Comunità Latino-Americana in Italia da parte del Presidente Héctor Villanueva.

La seconda serata di spettacolo per la manifestazione dedicata al mondo della montagna è prevista per domenica 22 gennaio. Il programma contempla la proiezione e la presentazione del filmato «Un Mondo… Trovato» a cura del Cai-Regione Lombardia per promuovere la frequentazione della montagna da parte di bambini e giovani.
Lunedì 23 gennaio, l'Associazione Italia-Tibet, organizzazione indipendente senza scopo di lucro, fondata nel 1988, che ounta a sostenere il lavoro del Dalai Lama, proporrà invece una serata dedicata al celebre orientalista Fosco Maraini nel centenario della sua nascita. Si cercherà di presentare l'importante figura di Fosco Maraini, uomo di cultura e appassionato alpinista, attraverso la testimonianza di collaboratori e amici, tra cui la seconda moglie Mieko Maraini. Verranno proiettati il suo primo corto degli anni '30 sull'Abetone e rari filmati dedicati al Giappone.
La serata prevede ovviamente la proiezione dei film in concorso.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata