Martedì 29 Maggio 2012

«Letture amene sotto il berceau»
L'inziativa ripartirà il 5 giugno

È stata presentata martedì mattina nel giardino del Circolino di Città Alta la settima edizione della rassegna letteraria “Letture Amene Sotto il Berceau”. La prima edizione risale al giugno del 2004, quando per la prima volta uno scrittore, già conoscitore e amante di Bergamo come Sergio Ferrero, fu invitato a presentare sotto il berceau del Circolino la sua raccolta di racconti “Il cancello nero”.

Riproposta nel 2006, la manifestazione è cresciuta negli anni fino diventare nel 2008, in occasione della terza edizione, un appuntamento annuale fisso suddiviso in cinque incontri a cadenza settimanale, interamente dedicati ai lettori con la passione per i libri.

“Letture amene sotto il berceau” allieta così i pomeriggi e le serate estive dei frequentatori del Circolino di Città Alta da ormai sette anni. Ciò che da sempre caratterizza la rassegna è l'incontro tra gli scrittori e i lettori di libri e romanzi, lettori diversi per età, gusti ed estrazione sociale, ma accomunati dalla passione per la lettura e la letteratura. Lo schema è ormai consolidato e prevede un incontro dedicato alla letteratura novecentesca, la presentazione di opere di nuovi autori e l'approfondimento di autori già conosciuti, italiani e stranieri.

Al fianco della Cooperativa Città Alta ha da sempre collaborato per il buon esito della rassegna l'Associazione Il Cavaliere Giallo nelle persone dei Presidenti Manlio Piccolini e Dario Guerini e di alcuni soci, prima fra tutti l'entusiasta Susana Ciufo. Una stretta e importante sinergia inoltre si è sempre avuta con i giovani librai indipendenti dell'Associazione Tempolibro, che con la loro cordialità e professionalità hanno contribuito al felice percorso della manifestazione.

Il primo appuntamento con “Letture amene sotto il berceau” è in programma martedì 5 giugno con due incontri importanti che faranno scoprire, o per alcuni riscoprire, la grande ed importante poetica di Giorgio Caproni nel centenario della sua nascita. Direttrice artistica della rassegna è la prof.ssa Mimma Forlani, giornalista ed appassionata scrittrice che da sette edizioni, grazie alla sua esperienza e ai suoi sinceri e profondi legami con la letteratura, contribuisce al successo della rassegna scegliendo gli autori e gli accompagnatori da proporre al pubblico.

Durante la conferenza stampa, oltre ad introdurre il ricco programma di appuntamenti, la prof.ssa ha parlato anche della sua ultima fatica letteraria “Enrico Gonzales: avvocato, socialista, galantuomo, la vita”.

«Dall'entusiasmo manifestato dagli autori e dai lettori intervenuti in occasione della prima edizione – dichiara la prof.ssa Mimma Forlani – ebbi conferma che sotto il berceau del Circolino si poteva organizzare qualcosa di bello, di caldo e di lieto. “Letture amene sotto il berceau” trasforma così per qualche pomeriggio il giardino del Circolino, già luogo di ritrovo e divertimento per i giovani e, soprattutto, per gli anziani intenti a giocare a carte o bocce, in un locus amoenus, un luogo piacevole ove ritrovarsi».

«Una sorta di giardino di Boboli – continua la prof.ssa – che richiama la tradizione rinascimentale delle discussioni letterarie all'aperto. Seduti al fresco, sotto il pergolato di vite canadese, i lettori possono indugiare sulle colline della Maresana, sui vicini muri antichi dell'ex convento e carcere di Sant'Agata, immersi nei racconti degli scrittori». Massimo Mazza, direttore del Circolino, ha dichiarato: «Negli anni l'appuntamento è cresciuto d'importanza, coinvolgendo sempre più scrittori italiani e stranieri. Siamo molto orgogliosi e onorati di ospitare questa rassegna, che è divenuta ormai un appuntamento fisso. Grazie a iniziative come queste vogliamo sottolineare l'impegno della Cooperativa Città Alta in attività culturali, oltre a quelle svolte in ambito sociale».

Gli appuntamenti con “Letture amene sotto il berceau” proseguiranno tutti i martedì pomeriggio fino a martedì 3 luglio.

In allegato il calendario completo del programma

a.ceresoli

© riproduzione riservata