Martedì 26 Giugno 2012

L'intervista a Tiziano Ferro:
ora il mio pop è più maturo

L'ultimo aggiornamento sul successo di Tiziano Ferro - sabato 30 giugno in concerto alla Fiera di Bergamo - è in rotazione televisiva da ieri. Il video del nuovo singolo Per dirti ciao! mette al centro il concetto di lontananza, di opposti.

Se solo qualche anno fa avessimo pensato a Tiziano come a qualcuno che potesse andare oltre la mitologia leggera del pop ad alto consumo, avremmo letto Sere nere in altro modo. Quell'hit formidabile in realtà era un avviso di tante cose che sarebbero venute dopo, compreso L'amore è una cosa semplice, album e libro.

Dopo il libro confessione Trent'anni e una chiacchierata con papà, l'isolamento, l'outing, le lunghe sedute dall'analista, oggi Ferro ha fatto pace coi suoi fantasmi ed è finalmente libero di vivere la sua vita, di cercare linguaggi, di abitare la musica spaziando dall'hip hop all'amato rhythm'n'blues, dal pop più ingegnoso allo swing di Bublé. È un uomo ritrovato e un artista maturo che s'è giocato tutto in un disco multiplatino, forse il più denso della sua carriera, il più comunicativo.

In due anni una chiacchierata importante col papà, l'outing, il ritorno a casa, la scoperta sentimentale raccontata nell'album.
«Quando sbarri la strada alla tua crescita sentimentale, metti il lucchetto ad un mondo che non è semplicemente legato alla parzialità della sfera sessuale; magari fosse solo quello il problema. La sfera sentimentale quando non ti stimi come persona che sa amare e può farlo, rimane come asfissiata. Così accade che interrompi una serie di processi, che sono quelli che ti permettono di diventare un buon amico, un buon genitore se mai un giorno capitasse, un buon figlio, un buon collega. Il sentimento è il motore che ti porta verso gli altri. Se ti chiudi è un problema. Quello che ha fatto rumore è la mia omosessualità, perché evidentemente viviamo in un paese dove c'è bisogno di parlarne tanto. Trovare un codice per iniziare ad amarmi è servito, anche alla musica».

Leggi di più su L'Eco di martedì 26 giugno

m.sanfilippo

© riproduzione riservata