Mercoledì 30 Gennaio 2013

Dal Sentierone conquista la Russia
Carmen arriva a San Pietroburgo

Dal primo concerto nel 1996 sul Sentierone a quello di un mese fa sul palco del Jagger Club di San Pietroburgo. Da Bergamo alla Russia di strada Carmen ne ha fatta tanta, in tutti i sensi: sul suo cammino centinaia di live su e giù per il Nord Italia, sia come solista che come voce di tante band che nel corso degli anni hanno sempre richiamato il suo nome: Carmen, in arte Carmensita, Cangiano.

Nessuna mania di protagonismo, sia chiaro, ma tanta voglia di emergere e di far valere il proprio talento per questa giovane voce bergamasca, classe 1976, musicista e insegnante di canto da tempo apprezzata nel circuito rock e blues locale e ora anche oltre confine, a San Pietroburgo appunto, dove è riuscita ad approdare sul palco di uno dei live club più in voga della giovane città russa.

«Sono appena tornata dalla mia quarta mini tournée e ormai sono una diva da quelle parti – scherza Carmen – ma è sempre un'emozione suonare davanti a un pubblico che ti ascolta attentamente e ti applaude. Anche se al Jagger non canto le mie canzoni ma il classico repertorio degli evergreen italiani accompagnata da una band locale o dai Bmb Band (tribute band bergamasca dei Bon Jovi, ndr), San Pietroburgo offre molte opportunità per gli artisti emergenti. Nel 2012 ho suonato infatti anche in altri locali e piccoli club cantando miei pezzi e classici del jazz accompagnata da Frederik Conradsen, un amico e chitarrista conosciuto al Busker Festival di Ferrara. Insieme abbiamo suonato per 5 sere di fila e ora stiamo lavorando per trovare altri concerti, magari anche oltre l'Europa».

Richiesta e acclamata in Russia, dove tornerà a esibirsi la prossima primavera, in terra bergamasca Carmen porta avanti diversi progetti musicali, a partire dal suo fiore all'occhiello: il tributo a Janis Joplin, muse ispiratrice di anni e anni di concerti e che le è valso il premio nazionale Janis Joplin 2010.

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo del 30 gennaio

fa.tinaglia

© riproduzione riservata