La magia incanta al Sociale
Paviato artigiano di illusioni

Prestigiatori si nasce o si diventa? Una delle specie più singolari di attore teatrale, tanto che molti stentano a vedere in loro dei parenti degli attori. Aurelio Paviato venerdì sera ha incantato 400 spettatori con il suo «Storie di un artigiano di illusioni».
IL VIDEO

La magia incanta al Sociale Paviato artigiano di illusioni

Si nasce o si diventa? Prestigiatori, intendiamo. Una delle specie più singolari di attore teatrale, tanto che molti stentano a vedere in loro dei parenti degli attori di prosa come siamo abituati a vederli.

«La realtà - suggerisce Aurelio Paviato, che venerdì sera ha incantato 400 spettatori con il suo "Storie di un artigiano di illusioni" - è che il pubblico italiano ama la magia. Solo che non lo sa».

Paviato, nato 54 anni fa a Vigevano, è prestigiatore dall'adolescenza e campione del mondo di «close-up magic» (cioè la specialità con giochi di carte o con corde, anelli, bussolotti) nel 1982, ma bancario fino all'87, quando era già noto

Paviato non si limita a rielaborare trucchi classici di micromagia. È anche uno studioso. Uno che nel suo spettacolo cita Abramo Colorni (illusionista e scienziato per i Gonzaga e gli Este nel XVI secolo) e Robert-Houdin (il padre dell'illusionismo «borghese» nell'800).

Il bello di una manifestazione come il Festival della Magia, in scena da venerdì ad al Teatro Sociale, per iniziativa dell'Ente Fiera Promoberg, è che consente di vedere da vicino un genere teatrale - lo spettacolo d'arte magica - che negli ultimi tre decenni era di fatto sparito dalle nostre sale. E di conoscerne i protagonisti.

Gente come Fax il Mago, in arte Carlo Faggi o viceversa, ad esempio. Domenica pomeriggio (ore 16, euro 15, bambini fino ai 12 anni euro 10, www.promoberg.it, tel. 035-3230911) Fax dà vita a un varietà magico, insieme al clown Trallalà, a Bruno Negrini e a Diego Allegri.

Di più su L'Eco di Bergamo del 19 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA