Martedì 29 Luglio 2014

Appassionati d’organo a Bergamo

«Una città d’inaspettata bellezza»

La sala Piatti

Domenica 27 luglio ha preso il via a Bergamo la 62ª edizione del «Meeting internazionale dell’organo», l’annuale raduno internazionale di organisti ed organari della Gesellschaft der Orgelfreunde (www.GdO.de)

Giornata speciale in Sala Piatti, con l’apertura del meeting e con intervento musicale del maestro Roberto Mucci, organista titolare della Basilica di Santa Maria Maggiore, alla presenza dei congressisti intervenuti da tutta Europa.

Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori ha aperto i lavori portando il saluto della città a tutti i presenti: sono seguiti i saluti del presidente dell’ associazione Vecchia Bergamo Maurizio Maggioni, organizzatrice dell’evento, e del Maestro Fabio Galessi vero motore organizzativo di tutti gli eventi che si terranno per tutta la settimana in città e nelle località più importanti del nostro territorio ove sono presenti organi di grande valore.

Il presidente ed il segretario dell’associazione organistica internazionale hanno sottolineato la bellezza della città di Bergamo e la grande disponibilità dimostrata dall’amministrazione comunale.

Hanno sottolineato l’inaspettata bellezza della città, ai molti sconosciuta, se non per i grandi personaggi musicali come Donizetti; hanno promesso di essere ambasciatori nei loro paesi di ciò che hanno visto e vedranno durante il convegno. Gori ha sottolineato la disponibilità della città nei confronti degli artisti ed ha offerto l’accoglienza della citta’ anche per il grande evento di Expo 2015.

Al termine della prima parte della manifestazione sono stati eseguiti alcuni brani musicali con il tipico strumento bergamasco e alpino, il Baghet, cornamusa autoctona di grande rilevanza storico musicale

alle ore 19,30 è continuato in Basilica di Santa Maria Maggiore il Concerto d’inaugurazione aperto a tutti con ingresso libero tenuto dal maestro organista Eugenio Maria Fagiani.

Il programma completo del meeting ed il dettaglio di tutte le esecuzioni sono scaricabili dal sito www.organfestival.bg.it

© riproduzione riservata