Aveva donato un ritratto al Presidente Oldani riceve la lettera di Mattarella
Il ritratto di Oldani di Sergio Mattarella

Aveva donato un ritratto al Presidente
Oldani riceve la lettera di Mattarella

Bella sorpresa per l’artista di Dalmine: in occasione della visita in città del Capo dello Stato per la Messa da Requiem, Luigi Oldani aveva fatto recapitare al Presidente Mattarella la sua opera. Ora la lettera con i ringraziamenti.

«Non ero sicurissimo di scrivere questo post, e in parte non lo sono ancora, ma, mi sono detto che, le cose belle vanno condivise, se è vero, come è vero, che la bellezza salverà il mondo» ha scritto Oldani in un post su Fb.

«Succede questo: saputo che in occasione della “Messa da Requiem” di Donizetti, in memoria dei nostri caduti da Covid 19, il 27 giugno scorso, sarebbe stato presente il Signor Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, mi sono attivato per cercare di fargli pervenire un mio dono. Ho contattato così la segreteria del Sindaco, Giorgio Gori, la quale con estrema gentilezza mi ha fatto contattare dalla Segreteria del Signor Prefetto, Enrico Ricci».

«Ho potuto così consegnare il mio dono. Unitamente a una lettera di ringraziamento al Signor Presidente per la sua vicinanza dimostrata a Bergamo e Provincia, in questi mesi drammatici, consegnai una mia opera».

«Un ritratto che feci al tempo della sua elezione, che ha la particolarità, se cosi si può dire, di essere probabilmente il primo ritrattto fatto a Sergio Mattarella da Presidente. Lo pubblicai infatti, un paio d’ore dopo la sua elezione sui miei social network, pur essendo stato realizzato nei giorni precedenti, appena il Suo nome iniziò a circolare tra quelli dei possibili candidati».

«Opera pubblicata a piena pagina sul catalogo della mostra “Volti” che la Fondazione Credito Bergamasco, mi dedicò qualche anno fa. Catalago unito al dono». «Ieri (mercoledì 8 luglio, ndr) la sorpresa nella casetta della posta. Una lettere di ringraziamento vergata a mano da Sergio Mattarella. Non sono cose così scontate - conclude il post -.Grazie, Signor Presidente».


© RIPRODUZIONE RISERVATA