CortoLovere, c’è il bando Iscrizioni entro il 10 agosto

CortoLovere, c’è il bando
Iscrizioni entro il 10 agosto

La diciottesima edizione di «CortoLovere – Festival Internazionale del Cortometraggio» si svolgerà, a Lovere, dal 24 al 26 settembre

La Fondazione Domenico Oprandi - che lo organizza, in collaborazione con il Comune di Lovere e con il patrocinio di Regione Lombardia, Provincia di Bergamo, Comunità Montana dei Laghi bergamaschi, Fondazione Comunità Bergamasca, Ascom e Camera di Commercio di Bergamo - ha aperto il bando di selezione (scaricabile dal sito cortolovere.it).

Rivolto a «FilmMaker italiani e stranieri, alle Scuole di Cinema e Istituti specializzati, ad Associazioni e Società che hanno prodotto e producono cortometraggi. Il Festival – ricordano gli organizzatori - oltre ad accogliere i film prodotti nel corso degli ultimi tre anni, si propone come luogo di incontro e riflessione sulle tendenze, sulle modalità produttive e sulle strategie possibili per fare cinema oggi».

L’iscrizione è gratuita e la data di scadenza per l’invio del materiale è fissata al giorno 10 agosto 2015. Ogni concorrente potrà presentare un cortometraggio prodotto dopo il 1° gennaio 2012. La scheda di iscrizione dovrà essere compilata e inviata online, è disponibile nell’apposita sezione del sito. Gli autori dei cortometraggi selezionati saranno avvisati tramite mail e telefonicamente entro il 7 settembre e dovranno inviare la liberatoria firmata che autorizza il Festival all’uso gratuito e senza scopo di lucro del film. I cortometraggi dovranno avere una durata massima di 15 minuti inclusi i titoli di testa e di coda e dovranno essere caricati su una piattaforma online (es. Vimeo, Youtube) e il link e l’eventuale password devono essere inseriti nella scheda di iscrizione che va compilata in tutti i campi obbligatori. I cortometraggi in lingua straniera devono essere sottotitolati in lingua inglese. Tra quelli che verranno inviati i selezionatori ne sceglieranno quindici che parteciperanno al concorso vero e proprio e saranno giudicati da una apposita giuria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA