Covid, come superare la paure nei bambini I burattini e un progetto dell’Università

Covid, come superare la paure nei bambini
I burattini e un progetto dell’Università

«Le emozioni al tempo del coronavirus» è il progetto educativo sviluppato dal Dipartimento di Scienze umane e sociali dell’Università di Bergamo con lo scopo di aiutare i bambini a prendere coscienza delle loro emozioni. Attraverso i burattini è possibile favorire la rielaborazione del dolore vissuto in questi ultimi mesi di emergenza sanitaria dai bambini, dalle bambine e dalle loro famiglie.

La rielaborazione del dolore vissuto in questi ultimi mesi di emergenza sanitaria dai bambini e bambine e dalle loro famiglie è un aspetto imprescindibile per poter guardare al futuro con positività e speranza. Con questo obiettivo otto dottorandi in Formazione della persona e del mercato del lavoro, in collaborazione con il Centro di Ateneo per la Qualità dell’insegnamento(CQIA) hanno sviluppato il progetto educativo «Covid-19: il virus con la corona invisibile ma terribile. Le emozioni al tempo del Coronavirus», facendo propria una delle tradizioni bergamasche più apprezzate in Italia e all’estero: i burattini.

Il progetto

Il progetto

Un testo teatrale, rivolto a bambini della scuola primaria, incentrato sul tema delle emozioni (tristezza, paura, rabbia, disgusto, gioia, sorpresa), è stato messo in scena in un teatro di burattini e filmato. Testo e video sono ora disponibili sul sito dell’Università di Bergamo corredati di materiali come le schede di presentazione e un tutorial sulla costruzione dei burattini a guanto. Attività che stimolano lo sviluppo della manualità, come la costruzione di burattini a guanto, attraverso cui i bambini, accompagnati dagli adulti, possono mettersi in gioco in prima persona, con fantasia e creatività, inventando personaggi per raccontare nuove storie e diventare protagonisti, proiettando sul burattino i propri stati d’animo e le proprie emozioni.

I filmati dispongono anche di un riquadro con le riprese della traduzione fatta da un’interprete in lingua dei segni ed è disponibile anche la traduzione del testo in simboli di Comunicazione Aumentativa e Alternativa,per dare la possibilità di fruire lo spettacolo anche a bambini con disabilità uditiva o con difficoltà a usare i più comuni canali comunicativi.

I materiali utili nei corsi e laboratori del corso di laurea in Scienze della formazione primaria sono anche disposizione di operatori e genitori che ne vogliano fare uso in ambito educativo e formativo, senza fini di lucro.

La storia
Bortolì̀, con sua mamma Margì̀ e suo papà̀ Gioppino, racconta a tanti bambini come lui cosa sta succedendo in questo periodo dove in città̀ si aggira il coronavirus. Grazie all’aiuto del teatro dei burattini e dei personaggi si è scelto di mettere in scena le emozioni di base provate in questo periodo di isolamento, associandole a esperienze complete vissute oppure viste dai bambini nelle proprie case, in modo tale da aiutarli a verbalizzare, accompagnando i genitori a condividerle e permettere loro di darne un nome.


© RIPRODUZIONE RISERVATA