«Dai inizio a qualcosa di nuovo» Con Apple la tecnologia diventa arte

«Dai inizio a qualcosa di nuovo»
Con Apple la tecnologia diventa arte

Ogni opera di questa mostra è nata su un prodotto Apple. Ogni pennellata, ogni pixel, ogni fotogramma ha preso vita grazie al talento di utenti Apple di tutto il mondo. Alla scoperta di come l’arte è democratica e tecnologia, e magari con la voglia di lanciarsi in qualcosa di nuovo.

La mostra si chiama «Dai inizio a qualcosa di nuovo», e continuerà fino a marzo nell’Apple Store di Oriocenter così come in tutti gli store Apple del mondo, oltre che essere visibile online. In sostanza sono esposte opere di artisti e professionisti di tutto il mondo che hanno usato la tecnologia Apple per esprimere la propria creatività.

Apple ha infatti commissionato il lavoro di 12 artisti in diverse fasi della loro carriera, affinché creassero opere capaci di ispirare. Questi artisti, nel nostro caso pittori, fotografi, registi e altri artisti visivi, hanno utilizzato la tecnologia per dar vita a una variegata collezione di opere d’arte, tutte realizzate con iPhone, iPad, Mac e una serie di app. Le loro creazioni possono essere ammirate in tutti i nostri 449 Apple Store nel mondo, che per l’occasione diventano vere e proprie gallerie d’arte.

Qualche esempio? Dopo il liceo artistico, Roz Hall è diventato insegnante, project manager e padre di famiglia. E non ha più avuto né il tempo per dipingere, né lo spazio in casa per uno studio. Dieci anni dopo ha scoperto iPad e le app artistiche che gli permettono di creare ovunque, non appena lo colga l’ispirazione. Per la sua serie di ritratti l’artista ha usato Procreate, raffigurando soggetti interessanti incontrati vicino alla sua università.

Hall, il cui sito elenca mostre in diverse città, da San Francisco a New York fino a Shanghai, spiega di non dipingere con tecniche tradizionali ormai da molti anni. E preferisce l’iPad a un normale computer, poiché il contatto fisico con il dispositivo gli permette di entrare in «relazione con l’opera d’arte».


© RIPRODUZIONE RISERVATA