«E quindi uscimmo a riveder le stelle...» A Pontirolo la rassegna di Arhat teatro

«E quindi uscimmo a riveder le stelle...»
A Pontirolo la rassegna di Arhat teatro

Due spettacoli in scena venerdì 5 e sabato 6 settembre. Guarda il programma.

Ricomincia «E quindi uscimmo a riveder le stelle...», la rassegna teatrale estiva organizzata da Arhat teatro con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Pontirolo Nuovo. Venerdì 4 e sabato 5 alle 20,30 nel cortile della sede di Arhat Teatro nel Condominio solidale a Pontirolo Nuovo (via San Michele, 1) si terrà “La notte dei racconti”, ossia pillole di “Festalia”, il festival estivo ideato da Arhat capace di trasformare Pontirolo in una città di teatro-musica-danza. Non avendo potuto realizzare la terza edizione della manifestazione nel giugno scorso, ora la compagnia, cogliendo al volo e in modo rigoroso le possibilità offerte dall’attuale normativa anti Covid-19, ne propone una versione ridotta. In entrambe le sere si svolgeranno in contemporanea cinque microspettacoli, in altrettante postazioni per una durata di circa 15 minuti, dedicati all’arte del narrare: gli spettatori, al termine di ogni replica, saranno accompagnati nella nuova postazione dal personale addetto all’accoglienza.

Le proposte: Francesco Chiari presenterà “Omaggio a Gianni Rodari”, con alcune tra le più note storie e filastrocche; Matteo Nicodemo: “Conosci tu l’abbandono?”, appunti lievi e attuali di fotografia compulsiva per aspiranti “urban exploration”; Aqui Gaini: “Agata … e la sua strada”, un’intensa, interpretazione del viaggio “obbligato” di una donna nell’inferno “della strada”; Emilio Riva: “Storie del Sultano Panjà”, racconti e favole per grandi e piccini; Grazia Butti: “Requiem”, un montaggio di testi tratti da riflessioni di don Alessandro Deho su un dolore non ancora vissuto. Al termine dei microspettacoli, Arhat teatro sarà in scena con “Fiori”, rapsodia drammatica ispirata a “I fiori del male” di Charles Baudelaire, una complessa partitura fisico-vocale dell’attore supportata dalle musiche del compositore giaponese Kitaro, con Samuele Farina e la regia di Pierluigi Castelli (Ingresso: 5 euro, 50 posti disponibili, si consiglia la prenotazione al numero 3208626995).

“E quindi uscimmo a riveder le stelle...” terminerà venerdì 11 e sabato 12 alle 21,15 con “Sinfonia delle sfere”, prima ufficiale del nuovo grande spettacolo per spazi aperti dell’ensemble di Arhat teatro e del suo gruppo collaboratore Tzelà Teatro con le danzatrici Sara Battisti e Giuditta Pecis (ingresso 8 Euro, 6o posti disponibili. Prenotazione consigliata al numero 3208626995).


© RIPRODUZIONE RISERVATA