Lunedì 24 Febbraio 2014

Lab80: «L’ultimo degli ingiusti»

Martedì 25 il film sulla Shoah

Un’immagine del film «L'ultimo degli ingiusti» di Lanzmann

Presentato al Festival di Cannes 2013, «L’ultimo degli ingiusti» di Claude Lanzmann sarà proiettato in anteprima all’Auditorium di Piazza Libertà di Bergamo martedì 25 febbraio, alle 20.30. Dopo il successo delle proiezioni di Hannah Arendt di Margarete von Trotta, Lab 80 film propone un’altra opera in anteprima sulla Shoah, che dà questa volta una lettura molto diversa del personaggio di Eichmann.

La proiezione è organizzata in collaborazione con Isrec, Acli Bergamo, Fondazione Zaninoni e Centro Culturale Nuovo Progetto. Il film di Lanzmann (già regista di Shoah e Sobibor) racconta l’incontro avuto nel 1975 dal regista con Murmelstein, ultimo presidente del Consiglio Ebraico di Theresienstadt che salvò più di 120.000 ebrei, e offre una visione senza precedenti sulle origini della «Soluzione Finale».

IL FILM

Roma, 1975. Claude Lanzmann raccoglie le testimonianze di Benjamin Murmelstein, ultimo presidente del Consiglio ebraico nel ghetto di Theresienstadt - il “ghetto modello”, come lo chiamavano i nazisti - e unico “Decano degli ebrei” a non essere stato ucciso durante la guerra. Nel 2012, l’87enne Claude Lanzmann decide di mostrare al mondo questa intervista in cui emerge la straordinaria personalità di Benjamin Murmelstein: un uomo estremamente intelligente, dotato di inequivocabile coraggio e di lucida memoria; un narratore meravigliosamente ironico, sardonico e autentico che, attraverso i ricordi, offre una visione senza precedenti nella genesi della Soluzione Finale, rivelando il vero volto di Eichmann ed esponendo senza artifici le contraddizioni del Consiglio ebraico.

BIGLIETTI: Intero (6 euro), ridotto (5 euro), soci Lab 80 (4 euro), carnet da 5 ingressi riservato ai soci Lab 80 (16 euro).

© riproduzione riservata