A Sarnico chiuso il Busker Festival  In quattro giorni 40mila presenze

A Sarnico chiuso il Busker Festival
In quattro giorni 40mila presenze

Il Festival Internazionale dell’Arte di Strada chiude la nuova edizione con un buon successo di pubblico e si proietta già verso la prossima edizione.

Il Sarnico Busker Festival, Festival Internazionale dell’Arte di Strada, chiude la XXI edizione con un grande successo di pubblico, confermandosi una delle rassegne di settore più importanti a livello nazionale.

Più di 40 mila persone hanno assistito, tra giovedì 25 e domenica 28 luglio, agli oltre 200 spettacoli in programma tra Sarnico e Paratico; un suggestivo palcoscenico a cielo aperto dove 150 artisti di strada e oltre 40 compagnie provenienti da tutto il mondo si sono esibiti in performance di Cirque nouveau, circo acrobatico, teatro di figura, teatro urbano, teatro danza, acrobatica aerea su teli e trapezio, giocoleria con il fuoco, funambolismo ed equilibrismo, mimo, teatro di burattini, musica.

serata busker festival sarnico

serata busker festival sarnico
(Foto by San Marco)

Molto apprezzata l’esibizione delle tantissime street band musicali, tra cui le Girlesque la prima e unica banda di strada italiana tutta al femminile. Estremamente coinvolgete, l’allegro corteo delle nove musiciste burlesque ha suonato, ballato e giocato con un pubblico festoso e divertito. Ritmi etnici per la Caravan Orkestar, molto apprezzata per la sua musica balcanica contaminata con lo klezmer ebraico.

serata busker festival sarnico

serata busker festival sarnico
(Foto by San Marco)

Mauro Demarchi, Presidente Proloco Sarnico: «Anche quest’anno il pubblico ha riservato un’accoglienza straordinaria agli artisti provenienti da tutto il mondo. Per quattro giorni Sarnico e Paratico si sono trasformate in un grande palcoscenico a cielo aperto dove sono andate in scena l’arte e l’allegria. Una vera gioia di vivere! Il Sarnico Busker Festival si conferma una grande kermesse dell’arte di strada, di rilevo nazionale e respiro internazionale. Offrire una manifestazione così importante ad ingresso libero e gratuito – senza rinunciare però alla tradizionale offerta a “cappello”, che in tutto il mondo rappresenta il modo per il pubblico di esprimere il gradimento agli artisti – è davvero una grande sfida, vinta anche quest’anno grazie ad un impegno collettivo. Il mio grazie va a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del Sarnico Busker Festival: Proloco Sarnico, i Volontari, i Sindaci e le Comunità di Sarnico e Paratico, la Direzione artistica di Silvia Grena e Lorenzo Bellini. Un grazie di cuore anche a tutti i partner del Festival. Ci vediamo l’anno prossimo!».


© RIPRODUZIONE RISERVATA