Torna in Italia col cognome della moglie Ma era stato espulso nel 2016, arrestato

Torna in Italia col cognome della moglie
Ma era stato espulso nel 2016, arrestato

L’uomo, un 28enne albanese, è stato rintracciato a Dalmine dalla polizia Locale e arrestato dai carabinieri.

È stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della Compagnia di Treviglio per reingresso illegale in Italia, l’albanese 28enne, clandestino, già espulso nell’agosto 2016 da Milano-Malpensa. L’uomo era irregolare e per questo dopo la convalida del Giudice di Pace di Bergamo, era stato accompagnato alla frontiera aerea e rimpatriato.

Nel pomeriggio di lunedì 8 aprile, l’albanese è stato rintracciato a Dalmine dalla Polizia Locale e poi affidato ai carabinieri. Ai militari il 28enne ha dato il cognome della moglie, che aveva formalizzato nei documenti anche nel paese d’origine per poter verosimilmente eludere i controlli qui in Italia, una volta appunto rientrato illecitamente. Una volta sottoposto a fotosegnalamento, tramite impronte digitali, i militari hanno accertato la sua precedente espulsione.

A questo punto è scattato l’arresto obbligatorio in flagranza di reato per l’unica ipotesi rimasta esecutiva dalla c.d. Legge “Bossi-Fini” in materia di clandestinità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA