«Da Gorlago al Canada  per un futuro migliore»
Giovanni Paolo Facchinetti

«Da Gorlago al Canada
per un futuro migliore»

«Ricordo che quando ero bambino – avrò avuto sette od otto anni – e mio papà tornava a casa a mangiare per poi ripartire con il suo Fiat 850 dell’Enel con la scala sopra il tettuccio, io ne approfittavo per salirci sopra e far finta di guidarlo. Poi sono cresciuto ed eccomi qua a fare quello che forse era già dentro di me: l’autista di mezzi pesanti». A raccontarlo è Giovanni Paolo Facchinetti, 53 anni, originario di Gorlago che da ormai sette anni vive e lavora in Canada.

«Ho sempre lavorato in Italia, ma da diversi anni vedevo che le cose nel nostro Paese non andavano molto bene e ho deciso di cambiare e venire in Canada per dare un futuro migliore ai miei figli e credo che qui lo avranno. Nel 2012, mentre lavoravo in Dhl, mi balenò in testa questa idea di partire e trasferirmi con tutta la mia famiglia: quando ho saputo che un mio amico di Roma, Stefano Sensoli, si era trasferito in Canada per fare il camionista, l’ho chiamato e con il suo aiuto mi sono trasferito pure io».

© RIPRODUZIONE RISERVATA