«Melbourne è lontana ma ne vale la pena»
Andrea Belotti e Fiorenza Parsani

«Melbourne è lontana
ma ne vale la pena»

«Non è facile se nasci e vivi nella stessa città per quasi 40 anni poi trasferirti dall’altra parte del mondo – racconta Andrea Belotti, 42 anni, originario di Alzano lombardo –. Non è facile perché ti porti dentro le persone del tuo passato e quando arrivi nel nuovo Paese devi ricostruire tutto da zero, trovare una nuova cerchia di amici». «All’inizio non c’è niente di familiare – gli fa eco Fiorenza Parsani, la moglie, 40 anni, originaria di Carobbio degli Angeli –. La prima esperienza al supermercato, per esempio, è stata agghiacciante. Non trovavamo nulla di noto, di familiare appunto. E lì ho proprio realizzato di essere dall’altra parte del mondo».

Raccontano così, Andrea e Fiorenza, il loro primo impatto con Melbourne, città in cui entrambi lavorano e vivono da ormai 3 anni. «Vivevamo a Scanzorosciate – continua Andrea – ed entrambi lavoravamo in contesti internazionali e avevamo il desiderio di vivere un’avventura all’estero. Nel 2018 è arrivata un’offerta lavorativa a entrambi dalla Kask un’azienda di Chiuduno che produce e distribuisce caschi per ciclismo, sci, equitazione e sicurezza sul lavoro: si trattava di venire a Melbourne per avviare la filiale australiana per la gestione del mercato locale e neozelandese. Così, vista la nostra voglia di partire, abbiamo accettato e ora viviamo e lavoriamo qui da 3 anni».

«La nostra emigrazione è stata matura e diversa da quella di tanti giovani che vengono in Australia a cercare fortuna – spiega Fiorenza –. Eravamo sposati già da 7 anni e abbiamo colto l’occasione presentataci. Siamo sempre stati esterofili, ci è sempre piaciuto viaggiare e visitare il mondo, vedere posti nuovi. Siamo molto legati a Bergamo, ma abbiamo sempre avuto questo desiderio di partire. Quindi non siamo scappati, ma è stata una scelta anche lavorativa». Una scelta della quale la coppia non si pente, anzi. Ma anche una scelta che gli ha cambiato il modo di approcciarsi al lavoro e alla vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA