Allarme nei pronto soccorso lombardi La provincia di Bergamo fa eccezione

Allarme nei pronto soccorso lombardi
La provincia di Bergamo fa eccezione

Bertolini: «A Milano ospedali sotto stress, i posti scarseggiano». Al «Papa Giovanni» gli accessi per sospetto Covid sono una decina al giorno.

L’allarme è stato lanciato ieri da Guido Bertolini, coordinatore regionale Covid-19 dei pronto soccorso lombardi. «In Lombardia ci sono molti ospedali ormai sotto stress. L’aumento repentino dei contagi ha raggiunto il livello soglia che determina uno stress sul sistema ospedaliero», che significa «fare i conti con un aumento quotidiano “esponenziale” di malati Covid-19 che arrivano in pronto soccorso. Alcuni di loro hanno urgente bisogno di ossigeno e talora di presidi ventilatori. Ma in molti casi non trovano possibilità di ricovero immediato per l’assenza di letti disponibili e restano per 24-48-72 ore (ma a volte ancor di più) nell’area del pronto soccorso in attesa di una destinazione». E accanto a questi malati, «molto più che a marzo e aprile – sottolinea Bertolini – vi sono malati non Covid, critici e no».

© RIPRODUZIONE RISERVATA