Coprifuoco, task force per i controlli Torna il modulo dell’autocertificazione

Coprifuoco, task force per i controlli
Torna il modulo dell’autocertificazione

Scatterà giovedì il cosiddetto «coprifuoco» dalle 23 alle 5 di mattino. Per chi dovrà spostarsi per comprovate ragioni (salute, lavoro o necessità) servirà l’autocertificazione.

Una task force che avrà il proprio coordinamento in questura ma che coinvolgerà tutte le forze dell’ordine in città e in provincia, è stata attivata da martedì 20 ottobre per coordinare l’attività di polizia di Stato, carabinieri, Guardia di finanza, esercito e polizie locali del territorio nei controlli che scatteranno inevitabilmente sulle strade bergamasche con l’entrata in vigore, da giovedì sera (22 ottobre), del cosiddetto «coprifuoco», ovvero il divieto di uscire senza comprovati motivi – di salute, di lavoro e di necessità: sarà in tal senso distribuito un modulo di autocertificazione simile a quello che si utilizzava a marzo e aprile durante il lockdown – tra le 23 e le 5 del mattino su tutto il territorio lombardo proprio per evitare assembramenti notturni, specie tra i giovani e fuori dai locali.

La decisione è stata adottata martedì mattina nel corso della riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuto in Prefettura alla presenza dei comandanti di tutte le forze dell’ordine bergamasche, dei referenti di sanità e trasporti e del sindaco Giorgio Gori. Un vertice voluto dal prefetto Enrico Ricci per fare il punto della situazione inizialmente sul tema delle scuole e dei trasporti pubblici ma che si è poi inevitabilmente spostato anche sui provvedimenti di natura preventiva da adottare per contrastare anche a Bergamo la ripresa della diffusione del coronavirus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA