Covid e malattia di Kawasaki Nicolò, 6 anni, intubato e salvato
Nicolò, 6 anni, e la mamma Valentina all’uscita dall’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo

Covid e malattia di Kawasaki
Nicolò, 6 anni, intubato e salvato

La mamma: febbre, eritemi, scoperta degli anticorpi coronavirus e la miocardite. Trasferito da Milano a Bergamo.

La mamma Valentina, 35 anni, infermiera al Niguarda, l’ha riportato a casa giovedì 14 maggio, a Sesto San Giovanni, insieme a papà Sandro Zuccotti, 37 anni, elettricista addetto alla manutenzione ospedaliera all’Istituto tumori di Milano: Nicolò, 6 anni, ha potuto riabbracciare il fratellino gemello Massimo, dopo giorni di grande paura in ospedale, in Terapia intensiva, al Papa Giovanni di Bergamo, dove era stato trasferito, intubato, dalla clinica pediatrica «De Marchi» di Milano . Dovrà ancora seguire le terapie e sottoporsi a controlli cardiologici, ma il peggio è passato.

Nicolò ha avuto la malattia di Kawasaki, una sindrome infiammatoria grave. Sul legame tra questa malattia e il Covid- 19 è stato pubblicato uno studio sulla prestigiosa rivista The Lancet, studio condotto dalla Pediatria dell’ospedale Papa Giovanni : lo studio analizza 10 casi di bambini con sintomi simili alla malattia di Kawasaki arrivati al Papa Giovanni XXIII tra l’1 marzo e il 20 aprile 2020 . Nei 5 anni precedenti questa malattia era stata diagnosticata a soli 19 bambini. Un aumento dei casi pari a 30 volte. Otto dei 10 bambini sono risultati positivi al Covid. Lorenzo D’Antiga, direttore della Pediatria, spiega: «Ormai molti centri iniziano a riportare casi di bambini con segni di malattia di Kawasaki in altre aree colpite dal Covid, tra cui New York e l’Inghilterra. Il nostro studio fornisce la prima chiara evidenza di un legame tra l’infezione da Covid e questa condizione infiammatoria e speriamo che possa aiutare i medici di tutto il mondo a riconoscere e trattare prontamente questi pazienti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA