Covid, il «piano ghiaccio» è pronto Ultrafrigo per 223 mila vaccini

Covid, il «piano ghiaccio» è pronto
Ultrafrigo per 223 mila vaccini

Le Asst Bergamo Est e Bergamo Ovest hanno dato la disponibilità. Celle occupate al «Papa Giovanni», che ne acquisterà di nuove.

Vaccino anti-Covid, gli ultrafrigo ci sono. Nella primissima fase della campagna vaccinale contro Sars-Cov-2, la Bergamasca non dovrebbe avere grossi problemi per rispettare la catena del freddo. Almeno non sulla carta. Gli ospedali orobici nei giorni scorsi hanno trasmesso a Regione Lombardia la propria capacità di stoccaggio in celle frigorifere a -70 gradi. E i dati raccontano di una capacità sufficientemente ampia: si potranno conservare infatti fino a 223 mila dosi di vaccini, già da gennaio.

Un passo indietro: il primo antidoto ad arrivare a inizio 2021 dovrebbe essere quello targato Pfizer, la big pharma americana che lo scorso 30 novembre ha richiesto all’Autorità regolatoria europea, l’Ema, l’approvazione per la commercializzazione del suo vaccino. Se l’Ema concederà il via libera, il vaccino arriverà in Italia a fine gennaio in scatole quadrate di 22,9 centimetri per lato, con all’interno 975 dosi. Dosi che dovranno essere però conservate a una temperatura di -70 gradi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA