Covid, lo studio: in Lombardia 527 casi accertati prima del Paziente 1

Covid, lo studio: in Lombardia 527 casi accertati prima del Paziente 1

Il virus circolava in 222 dei 1506 Comuni lombardi, ossia nel 14,7%. I casi riguardavano tutte le 12 province della regione con una percentuale maggiore di Lodi e Bergamo (53%).

Quando fu accertato il primo caso di Coronavirus al di fuori della Cina, il 20 febbraio del 2020 a Codogno, in provincia di Lodi, in realtà il virus già era presente in Lombardia . Uno studio fatto da Danilo Cereda, dell’Unità organizzativa Prevenzione - Malattie infettive della Dg Welfare di Regione Lombardia e da infettivologi e virologi delle Ats, degli Ircss, delle Asst lombarde che sarà pubblicato a dicembre su «Epidemics - The Journal on Infectious Disease Dynamics», ha mostrato che c’erano 527 casi di persone con sintomi di un’età compresa fra i 57 e i 78 anni, di cui 39 erano sanitari. Il Covid «circolava già per lo meno in 222 dei 1506 Comuni lombardi», ovvero nel 14,7%.

Secondo le stime dei ricercatori, l’intervallo seriale (cioè il tempo di trasmissione) era di 6,6 giorni mentre il numero di riproduzione (il cosiddetto R0) passava da un 2,6 a Pavia a un 3.3 a Milano. Il motivo quindi per cui il sistema sanitario si è trovato sotto pressione è «radicato nell’alta trasmissibilità dell’infezione e nella diffusa e silente trasmissione del patogeno avvenuta fra gennaio e metà febbraio», silente e sconosciuto e portato anche da contagiati asintomatici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA