Covid, l’ondata si è spostata La Bassa bergamasca ora più colpita

Covid, l’ondata si è spostata
La Bassa bergamasca ora più colpita

Anche a livello provinciale la direzione del virus è cambiata: nelle ultime settimane l’aumento di contagi si verifica soprattutto nella Bassa, risparmiando la tanto martoriata Valle Seriana.

La geografia dei contagi è mutata, non solo in Lombardia. Il virus ha cambiato direzione a livello regionale, picchiando duro lì dove – a marzo – aveva soltanto fatto capolino: patiscono Milano e Monza Brianza, mentre Bergamo regge. Ma è anche a livello provinciale che la direzione del virus è cambiata: nelle ultime settimane l’aumento di contagi si verifica soprattutto nella Bassa, risparmiando la tanto martoriata Valle Seriana . Per dirla in numeri, a registrare l’aumento maggiore di casi positivi nelle ultime ore è Treviglio, che passa dai 477 casi accertati fino al 25 ottobre ai 485 di ieri: significa +8 in un solo giorno. Del resto, come confermato nel corso della riunione fra Ats e sindaci settimana scorsa, l’ambito di Treviglio è stato quello che nella settimana dall’8 al 21 ottobre ha registrato l’aumento più considerevole, con 169 nuovi casi.

Anche Capriate ha subito una variazione significativa nelle ultimissime ore: il comune passa infatti dai 150 casi accertati fino al 25 ottobre ai 155 di ieri: + 5 in 24 ore. Più contenuto l’aumento di Romano di Lombardia, che passa invece da 284 a 286 . La direzione è cambiata, si diceva: e lo si nota guardando all’ambito che – durante la prima ondata, a marzo – era stato quello più martoriato: nei comuni della Valle Seriana (con Alzano e Nembro epicentro della prima fase) la variazione nelle ultime ore è quasi sempre pari a zero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA