Da Ponteranica fino a Capo Nord, in bici attraverso mezza Europa
Lorenzo Cornago

Da Ponteranica fino a Capo Nord, in bici attraverso mezza Europa

Ferie su due ruote per Lorenzo Cornago, 29 anni, insegnante e consigliere comunale. Cinquemila chilometri e otto Paesi. «Un’avventura. Le Alpi la tappa più tosta».

Un’impresa ciclistica da circa cinquemila chilometri. È questa la distanza pedalata da Lorenzo Cornago, 29 anni, bergamasco: partendo dalla «sua» Ponteranica, è arrivato in bicicletta fino a Capo Nord (Nordkap), in Norvegia. Un viaggio sola andata (perché al ritorno è tornato in aereo), durato quasi cinquanta giorni (dall’1 luglio al 10 agosto), attraverso mezza Europa: Italia, Austria, Repubblica Ceca, Germania, Danimarca, Svezia, Finlandia e Norvegia. «Pedalavo per una media quotidiana di circa centotrenta chilometri a tappa, anche se nell’ultimo tratto, quello scandinavo, viaggiavo tra i centocinquanta e i centosettanta chilometri al giorno». Cornago è insegnante di Scienze al «Sant’Alessandro» di Bergamo, oltre che consigliere comunale a Ponteranica. «Le mie passioni sono la bicicletta e la natura – racconta –. Tutti i giorni copro il tragitto casa-scuola sulle due ruote. E poi, d’estate, faccio giri in bici da corsa. D’inverno, invece, prediligo la mountain bike».

© RIPRODUZIONE RISERVATA