Il ministro: «No ai mezzi pieni» Ma la Lombardia tira dritto

Il ministro: «No ai mezzi pieni»
Ma la Lombardia tira dritto

Il ministro della Salute Roberto Speranza: obbligo di un metro di distanza su treni e bus. Ma la Regione conferma la sua ordinanza: «100% dei posti a sedere»

È caos sui trasporti al tempo del coronavirus, con una serie di ordini e contrordini che disorienta aziende e viaggiatori. Il ministro della Salute Roberto Speranza obbliga con un’ordinanza le compagnie ferroviarie a fare un passo indietro. E a ripristinare il distanziamento interpersonale di almeno un metro, caduto da ieri sui treni ad Alta Velocità che sono tornati a viaggiare a pieno carico. La decisione delle compagnie aveva scatenato le perplessità del mondo scientifico. Molte le voci contrarie, da Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità e membro del Comitato tecnico-scientifico al virologo Fabrizio Pregliasco, preoccupati anche per la risalita della curva dei contagi.

L’ordinanza del ministro

© RIPRODUZIONE RISERVATA