Investito, Gazzaniga piange Bonarini Il figlio: «Lasciato morire da solo in strada»
Achille Bonarini

Investito, Gazzaniga piange Bonarini
Il figlio: «Lasciato morire da solo in strada»

La vittima dell’incidente di sabato pomeriggio a Vertova è Achille Bonarini, 90 anni, che abitava a Gazzaniga, molto conosciuto in paese. Il giovane di Cene al volante dell’auto che si era allontanata dopo l’incidente si era costituito: denunciato.

I carabinieri erano già riusciti a risalire a lui dopo che, a Vertova, aveva investito un anziano in via Don Ferrari ed era fuggito. Sabato pomeriggio erano andati a bussare alla sua porta, ma non era in casa. È stato il padre, poche ore dopo, ad accompagnarlo in caserma a Fiorano, dove si è costituito. Il ragazzo, 22 anni di Cene, incensurato è stato denunciato per omicidio stradale e omissione di soccorso. Nell’incidente ha perso la vita un pensionato di Gazzaniga, Achille Bonarini di 90 anni, molto conosciuto in paese. «Sono sconvolto per quello che è successo – spiega il figlio Paolo, con cui l’anziano viveva in vicolo Scaletta –. Mio padre è stato lasciato morire da solo in strada. Mi hanno detto che il ragazzo che l’ha investito è incensurato, un bravo ragazzo, è assicurato, ma non riesco a capire come si possa fare una cosa del genere, investire un povero anziano e scappare senza fermarsi a soccorrerlo». Ieri Paolo, insieme al suo avvocato, è andato all’ospedale «Papa Giovanni» per identificare la salma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA