«L’80% dei casi riscontrati ha una carica virale elevata»

«L’80% dei casi riscontrati
ha una carica virale elevata»

Il virologo Broccolo: «I positivi hanno un indice alto». «Il rischio è che le terapie intensive siano sature a fine novembre».

Un mese decisivo. Nell’avanzata del virus, le trincee degli ospedali sono chiamate a resistere. Di fronte al sommarsi dei numeri, però, il rischio concreto di una tracimazione c’è. Qui si staglia l’orizzonte più critico. Perché salgono i contagi, costantemente, e così anche i ricoveri. E i casi più critici: «Continuando così, per fine novembre le terapie intensive potrebbero essersi riempite», è l’allarme di Francesco Broccolo, virologo, docente di Microbiologia all’Università Bicocca di Milano e direttore scientifico del laboratorio Cerba di Milano. Sono 1.536 le persone in rianimazione in tutta Italia a ieri: erano 264 un mese fa. In Lombardia in terapia intensiva ora ci sono 292 persone, contro le 31 del 28 settembre.

Gli ospedali

© RIPRODUZIONE RISERVATA