Mancano cuochi e camerieri. «I giovani non vogliono più lavorare durante il weekend»

Mancano cuochi e camerieri. «I giovani non vogliono più lavorare durante il weekend»

Gli operatori faticano a trovare personale: «Il settore è stato tra i più penalizzati. È il primo anno che dobbiamo pubblicare annunci»

Sono i profili più richiesti del momento negli alberghi, ristoranti e bar anche nelle località turistiche seriane: camerieri, cuochi e aiuto cuochi, pizzaioli, professioni che a differenza del passato sono diventate una rarità.

La situazione in Val Seriana è comune a molte attività che in queste settimane lamentano la mancanza di candidati, fondamentali per la ripartenza della stagione estiva che si spera sia all’insegna della rinascita e del turismo in montagna. «Siamo fermi da un anno e gli studenti universitari che lavoravano da noi hanno trovato altro, ma quando ripartirà anche il settore banqueting per noi saranno mesi intensi tra ospiti dell’hotel, matrimoni, ristorante e bar» spiega Neomi Fornoni dell’Albergo Ardesio Da Giorgio, che durante la stagione estiva dà lavoro a 35 persone, e che per i prossimi mesi è alla ricerca da diverse settimane di un pizzaiolo in più, mentre a fatica ha trovato il personale di sala.

© RIPRODUZIONE RISERVATA