Neppure il lager riuscì a dividerli Una storia d’amore lunga 76 anni
Vigilio Garzetti e Luigia Terzi

Neppure il lager riuscì a dividerli
Una storia d’amore lunga 76 anni

Una storia d’amore lunga 76 anni coronata in matrimonio il 9 novembre del 1946. Lo straordinario traguardo dei 70 anni di sposalizio, con i suoi due protagonisti, Luigia Terzi e Vigilio Garzetti, è passato anche attraverso la sofferenza dei campi di prigionia e di concentramento della seconda guerra mondiale.

Lui, Vigilio, con i suoi 95 anni è l’uomo più anziano di Cortenuova, lei, Luigia, di anni ne ha 94 e ripercorrendo la lunga vita, per lo più trascorsa con il suo Vigilio, racconta la preoccupazione e l’attesa delle lettere che attendeva da quello che al tempo era il fidanzato, partito per la guerra e deportato nel campo di concentramento di Buchenwald a 300 chilometri a Sud di Berlino. «Attendevo con ansia quelle lettere – racconta con estrema lucidità Luigia Terzi – quando tardavano saliva l’angoscia e la paura che fosse accaduto qualcosa, ma poi bastava vedere la busta e prima di leggerne il contenuto era già un’esplosione di felicità, significava infatti che era almeno vivo».

Lontano sei anni da casa

© RIPRODUZIONE RISERVATA