Salvarono una coppia imprigionata in un’auto in fiamme, medaglia al Valor civile a Jacopo e Nicola

Salvarono una coppia imprigionata in un’auto in fiamme, medaglia al Valor civile a Jacopo e Nicola

Un gesto di coraggio e d’istinto li ha portati a salvare due vite.

Il ricordo è ancora ben impresso nella loro mente: sono passati quasi otto anni da quel 7 settembre 2013 quando Jacopo Caccia e Nicola Bertasa, allora 18 e 20 anni, si ritrovarono senza neppure conoscersi in mezzo a una strada, di notte, tra Cazzano Sant’Andrea e Gandino, impegnati a salvare la vita a una coppia di ragazzi poco più grandi di loro, imprigionati in un’auto in fiamme dopo un incidente stradale. Ieri mattina in Prefettura quel loro gesto di coraggio è stato premiato con una medaglia di bronzo al Valor civile, conferita dal ministero dell’Interno e consegnata loro dal prefetto, Enrico Ricci, dal presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli, e dai sindaci di Gandino e Casnigo, Elio Castelli ed Enzo Poli.

Visibilmente emozionati per i riflettori che si sono accesi di nuovo sul loro gesto, i due ragazzi sono tornati a raccontare quei concitati momenti: «È stata una questione di attimi e di adrenalina – hanno detto –. Sono cose che si fanno senza neppure pensarci. La ragazza era cosciente, lui invece aveva perso i sensi. Abbiamo estratto dall’auto già in fiamme prima lei, poi lui». Questione di secondi, poi il fuoco ha avvolto l’abitacolo, lasciando sulla strada soltanto un ammasso di lamiere bruciate. «Abbiamo agito d’istinto – dicono ancora –, ci siamo trovati lì e l’abbiamo fatto. Ricevere questi riconoscimenti è bello, ma lo è ancora di più il ringraziamento dei genitori dei due ragazzi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA