«Sì alle riaperture anticipate ma non escluderei altre chiusure»

«Sì alle riaperture anticipate ma non escluderei altre chiusure»

Per il microbiologo Pierangelo Clerici l’imperativo è la prudenza. «Dobbiamo comunque mettere in conto la possibilità di un altro lockdown».

Sì alle riaperture anticipate, purché si rispettino le regole e soprattutto si abbia sempre pronto un «piano b», ovvero il ritorno immediato alle chiusure, se i contagi dovessero tornare a salire. «Siamo in una fase in cui non possiamo più permetterci di sbagliare; se fossimo tornati in lockdown quest’inverno, adesso probabilmente qualcosa sarebbe già aperto. Speriamo piuttosto di tornare alla normalità almeno per Natale».

È l’auspicio di Pierangelo Clerici, presidente dell’Associazione microbiologi clinici italiani e primario di Microbiologia all’ospedale di Legnano, che riconosce: «Avremo a che fare con questo virus e con le sue varianti ancora per tanto tempo; dovremo fare forse un richiamo all’anno e, nel frattempo, modificare i vaccini, come accade per l’influenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA