Tragedia di Azzano, l’analisi del perito «La moto si spostò da destra a sinistra»
Lo scooter con a bordo Luca Carissimi e Matteo Ferrari

Tragedia di Azzano, l’analisi del perito
«La moto si spostò da destra a sinistra»

Nell’incidente probatorio sulla tragedia del 4 agosto discussione sulla relazione dell’esperto del tribunale.

«Possiamo dichiarare che la traiettoria della moto era obliqua, ma nei termini che ho detto». Per ora è un dato neutro. Ma la risposta del perito del tribunale Fabio Donato sulla traiettoria «obliqua» che avrebbe seguito la Vespa con a bordo Luca Carissimi e Matteo Ferrari appena prima dello scontro fatale con la Mini Cooper guidata da Matteo Scapin, alle 4,20 del 4 agosto scorso al km 4+100 della Cremasca, nel territorio di Azzano, promette di essere accolta come un elemento a favore dai legali di Scapin, accusato di omicidio volontario per aver travolto e ucciso (dolosamente secondo la Procura; per un errore, a titolo colposo, per i legali di Scapin) i due ragazzi dopo una notte di litigi al Setai.


© RIPRODUZIONE RISERVATA