«Una vita per il paese» Gazzaniga piange la maestra Serena
Serena Zanchi

«Una vita per il paese»
Gazzaniga piange la maestra Serena

È morta giovedì scorso a Vertova, all’hospice della Fondazione Cardinal Gusmini dove era ricoverata da tempo per una grave malattia, Serena Zanchi, di 71 anni, che è stata maestra nelle scuole elementari di Gazzaniga dove ha insegnato per 35 anni, andando in pensione nel 2006.

Dotata di una personalità forte e intraprendente, oltre all’impegno educativo era anche attiva nel mondo del volontariato e dell’assistenza ai bisognosi. La passione per l’insegnamento, specie per i ragazzi più deboli le aveva riempito la vita: aveva iniziato con un gruppo di ragazzi disabili nelle Scuole speciali di Gazzaniga e, in seguito, aveva fatto parte del gruppo di docenti che aveva dato vita alla sperimentazione della scuola a tempo pieno antesignana della esperienza che troverà applicazione con la riforma didattica e strutturale della scuola elementare a livello nazionale.

Persona di grande dirittura morale, sempre disponibile e generosa metteva a disposizione il suo tempo e la propria abitazione per ospitare amici, persone in stato di necessità o bisognose di cure, per incontri e riunioni in cui di discuteva delle iniziative di carattere culturale e sociale di cui era promotrice. Era una persona dal cuore grande, sempre disponibile e impegnata in numerose iniziative di solidarietà: collaborava con il sindacato Cgil di Gazzaniga per l’assistenza nelle pratiche assistenziali e burocratiche, era socio attivo della «Bottega del mondo» nella gestione del negozio del commercio equo e solidale e del Gruppo d’acquisto solidale (Gas). Si può dire che era un vulcano di idee che portava a compimento impegnandosi in prima persona e con i propri mezzi dando un contributo essenziale di idee e di presenza. Terza di cinque fratelli dopo Marina, attrice teatrale, Giorgio, scomparso alcuni anni fa, Sandra e Maria, era appassionata di viaggi e fra le sue mete era il Sudamerica dove era stata ospite di un gruppo di immigrati boliviani cui aveva dato ospitalità a Gazzaniga. La sua scomparsa lascia un vuoto nella comunità di Gazzaniga dove ha educato generazioni di ragazzi. I funerali si terranno sabato mattina 20 giugno alle 10 nella chiesa parrocchiale di Gazzaniga. Le ceneri verranno sepolte nella tomba dove riposa il papà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA