Vaccini contro l’influenza Stop e ripartenza per il piano

Vaccini contro l’influenza
Stop e ripartenza per il piano

La Regione: il documento va rivisto. Ma Ats Bergamo: mancava l’intesa sugli spazi.

Vaccinarsi contro l’influenza per quest’autunno sarà determinante, nella lotta alla pandemia da Covid: gli scienziati spiegano che sarà fondamentale poter distinguere i sintomi da nuovo coronavirus da quelli dovuti a sindromi stagionali. E settembre ormai è già dietro l’angolo: la Regione sta raccogliendo i piani per la campagna antinfluenzale 2020-21 dalle Ats della Lombardia, ma pare che quello di Bergamo abbia bisogno di aggiustamenti. Inviato alcuni giorni fa, è stato ritenuto insufficiente.

E da più parti cresce la preoccupazione: il territorio bergamasco sarà pronto ad affrontare le incognite di un inverno in cui i casi di influenza potrebbero sommarsi a quelli di Covid? Sarà messa a punto, e a prova di imprevisti, l’organizzazione di una campagna vaccinale che è facile prevedere assai complicata, con le regole del distanziamento e antiassembramento imposti dalla necessità di contenere i nuovi contagi da Sars-Cov2? A quanto trapela dalla Regione, parrebbe che il piano presentato nei giorni scorsi da Ats Bergamo sarebbe incompleto e poco dettagliato, con allegate le ipotesi di lavoro delle tre Asst, le Aziende sociosanitarie territoriali a cui spetta attraverso i Presst, secondo la riforma regionale, la gestione delle somministrazioni vaccinali, mentre mancherebbe tutto il fronte territoriale, con dettagli su spazi e numeri, e la «fetta» di vaccinazioni coperta, ed è quella più corposa, dai medici di medicina generale. Questo mentre l’obiettivo lombardo è di aumentare, e di molto, la copertura antinfluenzale per tutte le categorie considerate più a rischio e che quest’anno, proprio per lo spettro della pandemia Covid, vedono allargare la platea della popolazione, visto che è anticipato ai 60 anni il diritto alla vaccinazione antinfluenzale gratuita che fino al 2019 partiva invece dai 65.

© RIPRODUZIONE RISERVATA