Biciclette, crescono le vendite ma c’è carenza di ricambi

Biciclette, crescono le vendite
ma c’è carenza di ricambi

Impressionante l’avanzata delle vendite soprattutto tra maggio e giugno: +60% rispetto al 2019. Ora per le più piccole la difficoltà di approvvigionamenti.

Dopo il lockdown di marzo e aprile, il boom di vendite di biciclette registrate tra maggio e giugno (200 mila pezzi in più rispetto allo stesso periodo del 2019, +60%), è proseguito per tutta estate. Secondo le previsioni Ancma, l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo che fa capo a Confindustria, entro fine anno verrà sfondato il tetto dei due milioni di bici vendute: lo scorso anno erano 1,7 milioni.

L’impressione è che il periodo di costrizione domestica abbia innescato il forte incremento delle richieste che però, dopo l’euforia dei mesi estivi, ora rischia di provocare qualche problema, in particolare alle aziende più piccole alle prese con difficoltà di approvvigionamento. Nei negozi accade sempre più spesso che l’esercente risponda al cliente: «Non ho la bici che cerchi». Ma anche risalendo la «supply chain» si riscontrano difficoltà ad trovare componenti e materiali di consumo e a reperire telai.

© RIPRODUZIONE RISERVATA