Alitalia ed ex Ilva Un Paese fermo

Alitalia ed ex Ilva
Un Paese fermo

Di proroga in proroga, di aiuti di Stato in aiuti di Stato, Alitalia non decolla. Lo stallo dura da anni e i suoi diecimila dipendenti continuano a lavorare sull’orlo del baratro. Le Ferrovie dello Stato, che ne hanno il controllo, ironia della sorte, non riescono a trovare gli acquirenti necessari a comporre quel consorzio che potrebbe salvarla definitivamente. Finora il denaro dei contribuenti speso per non fare rimanere a terra il Vettore nazionale ammonta a nove miliardi e duecento milioni di lire.

Solo negli ultimi due anni ne sono stati versati un miliardo e mezzo. Il prestito-ponte dovrebbe essere chiamato prestito-viadotto visto che non finisce mai. È stato calcolato che se i nove miliardi e rotti fossero stati distribuiti indistintamente ai 12 mila lavoratori, questi avrebbero potuto vivere di rendita - o quasi - fino alla pensione, disponendo di quasi 350 mila euro a testa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA